Biblioteca Franco Serantini

COCCO, Carlo

Tipologia Persona

Intestazione di autorità

Intestazione
COCCO, Carlo

Date di esistenza

Luogo di nascita
Eschen
Data di nascita
July 5 1908
Luogo di morte
Barcellona

Biografia / Storia

Nasce a Walleschen (Svizzera) - la località risulta irrintracciabile, probabilmente si tratta di Eschen, in Liecthenstein - il 5 luglio 1908 da Antonio e Maria Ginepro, operaio meccanico. Al principio del 1936 vive a Torino, insieme alla moglie Luigina Sant, e frequenta gli anarchici Dante Armanetti, Settimo Guerrieri e Muzio Tosi. Il 9 settembre 1936 espatria clandestinamente in Francia, insieme a Armanetti, Guerrieri e Antonio Calamassi, e raggiunge Chambéry, dove aderisce a un Comitato, che cura l’arruolamento dei volontari antifascisti per la Spagna. Qualche giorno dopo è a Marsiglia, dove incontra l’anarchico Francesco Calcagno, originario di Voltri, prima di proseguire il viaggio verso Barcellona, dove si arruola nella Colonna Italiana, a maggioranza anarchica, comandata da Carlo Rosselli. In novembre prende parte alla battaglia di Almudévar e il 26 febbraio 1937 viene iscritto nel «Bollettino delle ricerche» per la misura di arresto. Nell’aprile 1937 C. rimane gravemente ferito nello scontro del Carrascal de Huesca e viene ricoverato all’ospedale di Barcellona. Il 28 maggio 1937 è schedato dalla Prefettura di Torino. Il 29 giugno o il 1° luglio 1937 C. muore a Barcellona per l’aggravarsi delle ferite. (F. Bucci – S. Carolini – A. Tozzi)
 

Fonti

Fonti: Archivio Centrale dello Stato, Ministero dell’Interno, Casellario politico centrale, ad nomen; Archivio Centrale dello Stato, Pubblica sicurezza, 1938, n. 23, K1A: Movimento anarchico; Torino; I nostri morti, C. Cocchi, «Guerra di classe», 8 lug. 1937.

Bibliografia: La Spagna nel nostro cuore. 1936-1939, Tre anni di storia da non dimenticare, Roma 1996, ad nomenL’antifascismo in Sardegna, a cura di M. Brigaglia [et al.], 2 voll., Cagliari 1986, p. 53; F. Bucci, et al., Gli antifascisti grossetani nella Guerra civile spagnola, Follonica (Gr) 2000, pp. 109-110. 

Codice identificativo dell'istituzione responsabile

181

Note

Paternità e maternità: Antonio e Maria Ginepro

Bibliografia

2003

Persona

Collezione

città